OSSERVATORIO JOBPRICING

Dati e trend sul mondo del lavoro

27 Ottobre 2017

NUOVE PROFESSIONI DIGITALI E RETRIBUZIONI DEL SETTORE

Condividi
JobPricing | Retribuzioni nuove professioni digital 2017

In occasione della SMAU (24-26 ottobre), torna la pubblicazione JobPricing sui principali ruoli operanti nel settore del mondo digitale. Mercato del lavoro, professioni e retribuzioni, con dati aggiornati al primo semestre 2017.

 

IL DIGITALE OGGI | Le professioni del digitale sono solo in parte le professioni "tradizionali" dell'ICT. Le competenze e i ruoli si sono evoluti in breve tempo, da una parte sulla scia dello sviluppo tecnologico, dall'altra per effetto della crescita vertiginosa di tutte quelle attività che del digital fanno il proprio core business. Lo studio di JobPricing si concentra in particolare sulle retribuzioni di queste attività, prendendo in considerazione il settore delle apparecchiature elettriche, elettroniche e dell’automazione, quello delle telecomunicazioni, il settore media, web ed editoria ed infine tutta l’area legata alla consulenza ICT e software.

 

RETRIBUZIONI MEDIE DI SETTORE | Il primo semestre dell’anno vede telecomunicazioni e servizi e consulenza in cima alla graduatoria dei settori meglio retribuiti, con degli stipendi (RAL) in media del 26% e 24% più alti del dato nazionale complessivo (36.818€ e 36.223€ contro i 29.238€). Anche gli altri due settori pagano bene: il settore delle apparecchiature con un 12% in più della media (32.797€) e quello dei media con un 9% sopra la retribuzione Italia (31.826€).

 

RETRIBUZIONI MEDIE PER INQUADRAMENTO | Gli operai meglio pagati sono quelli delle aziende di telecomunicazioni; per quadri e impiegati le RAL più alte sono nel settore industriale delle apparecchiature elettroniche ed automazione, mentre i due settori dei servizi erogano retribuzioni inferiori alla media nazionale. I dirigenti di 3 dei 4 settori sono allineati poco sopra i 103mila euro lordi annui (vedi pag. 6 nel report).

 

TREND 1° SEMESTRE 2017 | Il trend delle buste paga del 1° semestre 2017 è negativo in tutti e 4 i settori analizzati, in particolare quello delle telecomunicazioni. Nel dettaglio si nota tuttavia che gli operai registrano un trend positivo, soprattutto per chi lavora nel settore delle apparecchiature elettroniche (dove la percentuale di operai è anche più consistente). Fra i quadri si rileva un trend negativo solo nel settore dei media, web e comunicazione (-0,5%), mentre i dirigenti del settore delle apparecchiature elettroniche sono gli unici ad avere una crescita retributiva rilevante (+0,6%).

 

PACCHETTI RETRIBUTIVI | La percentuale di retribuzione variabile (ad esempio, legata al raggiungimento di obiettivi) dei dirigenti e dei quadri del mondo digitale è più consistente rispetto alla media nazionale e più diversificata considerando gli operai.

 

LA VARIABILE AZIENDA | I professionisti del digitale che lavorano nel Centro Italia percepiscono una retribuzione media pari a 35.254 €, superiore a quella registrata settentrionale (34.241 €) e a quella del Sud e Isole (30.117 €). La dimensione aziendale è inoltre una variabile significativa per la “taglia” della busta paga: premiano le aziende grandi, con oltre 1.000 dipendenti (40.782 €), con stipendi quasi del 40% superiori a quelli erogati dalle micro imprese con meno di 10 dipendenti (29.535 €).

 

PROFESSIONI IN RAPIDA ASCESA E RETRIBUZIONI | Nel comparto web e multimedia prende sempre più piede la figura dell’UX Architect che in media all’anno percepisce 39.749 € di retribuzione base. Sempre più indispensabili ruoli in grado di gestire ed analizzare il grande numero di dati: un Data Scientist guadagna 38.600 € come RAL. Altre figure del mondo digitale con retribuzioni ben superiori al dato medio nazionale sono il Sistemista ERP (38.930 €). L’Analista sistemista (37.790 €) e il Software Engineer (35.576 €).

 

DESIDERI SCOPRIRE QUANTO GUADAGNI RISPETTO AL MERCATO?

Prova “Confronta il tuo stipendio” e ricevi gratuitamente via email il tuo report personalizzato!

 

Il testo completo del report Professioni e retribuzioni del digitale 2017 è scaricabile gratuitamente dal link http://www.jobpricing.it/shop/retribuzioni-digitale-2017

 

 

      Osservatorio JobPricing

L’Osservatorio JobPricing nasce nel 2014 con l’obiettivo di contribuire all’analisi ed al dibattito sul mondo del lavoro italiano ed in particolare sul mercato retributivo: le attività dell’Osservatorio spaziano dall’indagine quantitativa sui salari a quelle di natura qualitativa sulle HR & rewards practices (settori, professioni, inquadramenti contrattuali, etc.). Grazie all’indagine “ad continuum” online condotta mediante il web tool “confronta il tuo stipendio”, JobPricing dispone oggi del database sulle retribuzioni più ampio e profondo in Italia: 350.000 osservazioni qualificate per 1.900 posizioni su 35 settori.

È parte integrante di JobValue Human Capital Consulting, società di consulenza manageriale specializzata in ambito compensation & benefit e nel benchmarking retributivo, e più in generale nella progettazione, valutazione e miglioramento dei sistemi di Human Resources Management.

Tutte le monografie e i report pubblicati sono disponibili sul sito www.jobpricing.it insieme a:

- Confronta il tuo stipendio (https://www.jobpricing.it), strumento a disposizione dei lavoratori per un check gratuito della propria retribuzione rispetto al mercato nazionale di riferimento, corredato di una guida per la negoziazione dello stipendio e per la lettura della busta paga;

- JP analytics (http://jpanalytics.it), un innovativo metodo di consultazione del database retributivo più completo e aggiornato in Italia, pensato per i professionisti HR finalizzato al benchmark retributivo con un elevato grado di approfondimento del dato indagato, tramite 9 filtri per definire il perimetro d’indagine.

INSERISCI COMMENTO